Ricerca scientifica e gestione
Sensibilizzazione all'ambiente e divulgazione
Riserva naturale delle Bolle di Magadino

Attualità

Approvazione del Consiglio federale della scheda PSIA aerodromo di Locarno del 17 dicembre 2014

Il Consiglio della Fondazione Bolle di Magadino prende atto dell’approvazione della scheda PSIA per l’aerodromo di Locarno. Ad una prima lettura sembra che le osservazioni fatte dagli specialisti non siano state prese in considerazione e questo potrebbe condurre a conseguenze negative per la riserva (vedi pravviso della Commissione Scientifica Bolle di Magadino, comunicato stampa del 19.4.2013).
La Fondazione si adopererà affinché il regolamento di esercizio che dovrà essere preparato nei prossimi anni, elimini questi impatti negativi. Il progetto di allungamento della pista attuale e la nuova illuminazione sono dei punti in contrasto con gli obiettivi di protezione della riserva. Compito della Fondazione è di garantire le funzioni ecologiche della riserva naturale Bolle di Magadino, un’area protetta di interesse nazionale e internazionale per la conservazione degli uccelli, affinché questo ruolo perduri nel tempo.
Magadino – 17 dicembre 2014




Comunicato stampa del 28 gennaio 2015

Le zone umide sono essenziali per il nostro
futuro – Fai una foto!

Ogni anno il 2 febbraio celebriamo la giornata mondiale delle zone umide per commemorare la sottoscrizione
della Convenzione sulle zone umide del 2 febbraio 1971, nella città iraniana di Ramsar, sulle rive del Mar
Caspio.

Partecipate!

Concorso fotografico proposto a partecipanti da 15 a 24 anni: inviate al segretariato centrale della
Convenzione www.worldwetlandsday.org una foto scattata in una zona umida, dal 2 febbraio al 2 marzo
prossimo, cercando di evidenziare uno dei tanti aspetti attraverso i quali le zone umide garantiscono il nostro
futuro.

In Ticino? Le Bolle di Magadino!

Accessibile attraverso i sentieri di Magadino e di Gordola, la zona umida deltizia dei fiumi Verzasca e Ticino,
che assieme formano le Bolle di Magadino, offre molti spunti per partecipare al concorso. Oppure visita una
zona umida iscritta alla Convenzione di Ramsar che trovi nelle vicinanze del Canton Ticino: per esempio il
margine glaciale del ghiacciaio del Rodano in Vallese, la palude Brabbia a Sud del lago di Varese o il Pian di
Spagna e il lago di Mezzola in cima al lago di Como.

Vinci un volo verso una zona umida di tua scelta nel mondo!

Informazioni e suggerimenti presso la Fondazione Bolle di Magadino www.bolledimagadino.com o direttamente
sul sito www.ramsar.org (francese/spagnolo/inglese).

Le zone umide sono garanti del nostro avvenire:

  1. Le zone umide sono fonte di acqua dolce
    per tutti

  2. Solamente 3% dell’acqua sulla Terra è dolce
    (principalmente come ghiaccio).
    Ogni essere umano ha bisogno da 20 a 50 litri
    al giorno. Le zone umide forniscono
    quest’acqua e aiutano a ricaricare le falde
    freatiche sotterranee.

  3. Le zone umide depurano le acque e filtrano
    le particelle tossiche che contengono

  4. Le piante delle zone umide possono aiutare
    ad assorbire i nutrienti eccessivi, i pesticidi
    pericolosi, i metalli pesanti.

  5. Le zone umide nutrono l’umanità

  6. Il riso che cresce nelle risaie delle zone
    umide, è il nutrimento di base per 3 miliardi di
    persone.
    In media consumiamo 19 kg di pesce per
    persona per anno. La maggior parte dei pesci
    sfruttati commercialmente sono allevati nelle
    paludi costiere e gli estuari.
    70% dell’acqua dolce usata a livello mondiale
    serve per l’irrigazione delle colture.

  7. Le zone umide pullulano di biodiversità

  8. Esse danno ospitalità a più di
    100’000 specie d’acqua dolce e non si
    conoscono ancora tutte.
    In 10 anni, 272 nuove specie di pesci d’acqua
    dolce sono state scoperte in Amazzonia.
    Le zone umide sono vitali per gli uccelli, la
    nidificazione e la migrazione.

  1. Le zone umide assorbono naturalmente gli
    eventi estremi

  2. Le torbiere e i prati umidi dei bacini
    idrografici agiscono come spugne naturali,
    assorbendo le precipitazioni, creando vasti
    accumuli in superficie che assorbono e
    rallentano le piene. Questa capacità di
    accumulo può prevenire anche la siccità.

  3. Le zone umide aiutano a lottare contro i
    cambiamenti climatici

  4. Da sole, le torbiere riescono a stoccare due
    volte più carbone che tutte le foreste del
    mondo! Di fronte all’innalzamento del livello
    dei mari, le zone umide costiere riducono
    l’impatto di tifoni e tsunami.
    Esse consolidano i littorali e resistono
    all’erosione.

  5. Le zone umide assicurano mezzi di
    sussistenza e prodotti sostenibili

  6. 61,8 milioni di persone vivono direttamente
    della pesca e del pescato.
    Il legno da costruzione, l’olio vegetale, le
    piante medicinali, il foraggio per gli animali e
    le cortecce e le foglie utilizzate per gli intrecci
    sono tutti prodotti che provengono da zone
    umide gestite in modo sostenibile.